Pietro Zucchetti

Insieme a RESEDA onlus e Transition italia l’Istituto italiano di permacultura partecipera’ attivamente alla prima fase della ricostruzione del dopo terremoto nelle zone di Amatrice e dintorni. Noi dell’Istituto forniremo designers di permacultura per aumentare la produzione di cibo locale in modo sostenibile all’interno delle aziende agricole del posto,orti urbani, giardini foresta/food forests,vigne di permacultura dove si produrranno anche ortaggi,medicine ed altro. RESEDA onlus come precedentemente fatto durante il terremoto dell’Aquila montera’ sistemi di pannelli fotovoltaici ad isola per un’autonomia energetica (elettricita’) ed i facilitatori delle Transition Town ci daranno una mano per quanto riguarda il supporto logistico ed altro alle comunità locali.

Uno degli strumenti con cui intendiamo agire localmente è il Transition Van, un furgone adibito al soccorso e al sostegno delle comunità locali.

Questa e’ la prima volta in Italia che la permacultura ed il movimento della transizione uniscono le forze insieme a professionisti dell’aiuto umanitario per risolvere una situazione d’emergenza nazionale. Quindi questo intervento se portato a termine con successo potra’ innovare la cooperazione nazionale per problemi gravi come terremoti,alluvioni e per il post-petrolio. Aiutateci a portare a termine questa missione!

amatrice

Il sostegno alle comunità locali post-sisma
E’ intenzione della RESEDA, come già realizzato per il terremoto del 2009 all’Aquila, dare un
sostegno alla popolazione per la ricostruzione e il dopo sisma. In particolare già durante il primo intervento sia Transition Italia sia l’Istituto italiano di Permacultura ci davano il loro appoggio.
Anche alcune ditte private ci fornivano appoggio e materiali.
Attualmente il progetto è delineato in questo modo, prevedendo le seguenti azioni:

• supporto tecnico e impianti solari per le aziende agricole montane colpite dal sisma;
• supporto tecnico per il design in permacultura delle aziende agricole montane e per i paesi
colpiti dal sisma;
• supporto sociale per la cittadinanza per sostenere le capacità di resilienza, di
collaborazione e di azioni collettive (metodo Transition Town);
• supporto tecnico alla ricostruzione ecologica degli edifici.

sia per fare design per le aziende agricole colpite dal sisma, sia per realizzare concretamente impianti a energia rinnovabile, sistemi di recupero acque, case e stalle ecologiche, compost toilet, ortiurbani e altri manufatti ecologici, un modo per attuare concretamente i principi della permacultura e delle transition town.

Quindi abbiamo iniziato una campagna di raccolta fondi. Roberto Salustri di RESEDA onlus ci spiega:” Come già fatto per l’Aquila cerchiamo aziende di produzione di pannelli solari che ci donino materiali e aziende termoidrauliche che ci aiutino nella loro installazione. Ci sarà comunque bisogno di denaro per l’acquisto dei materiali necessari, per le spese vive del progetto e l’acquisto di attrezzature”.

Per chi vuole sostenere le comunità locali con i metodi delle Transition Town e della Permacultura. Per una rinascita ecologica e solidale dei paesi colpiti dal sisma ad Amatrice e zone limitrofe.

Per donare:

Donazioni: Bonifico bancario intestato a Ass. cult. Istituto Italiano di Permacultura
IBAN: IT12 F 36000 03200 0CA010052527