Letti hugelkulture

Pietro Zucchetti

In questo articolo spieghiamo passo per passo come fare dei letti hugelkulture per la coltivazione di lamponi. Questi letti sono stati realizzati presso l’Istituto Italiano di Permacultura in Piemonte. Originariamente questi letti sono stati ideati da Sepp Holzer sulle Alpi Austriache per ospitare piccoli alberi da frutta e piccoli frutti. Oggi molti li usano anche per la coltivazione di vegetali annuali.Noi qui’ all’Istituto li useremo per impiantare lamponi “Rossana” che e’ l’unica varieta’ di lamponi italiani.

Si inizia a scavare delle piccole swales di una vanga di profondita’ (dove

e’ possibile) e due vanghe di larghezza. continua…..

 

Le piccole swales chiaramente sono posizionate sulla curva di livello (isometrica)

Possiamo osservare che le swales si riempiono d’acqua da infiltrazioni

sotterranee e quest’acqua verra’ assorbita dal materiale organico

ogni volta che piovera’.In questo modo lo hugelkulture bed sara’

costantemente umido anche in estate o durante una siccita’.

Successivamente si aggiungono strati di legna di varie dimensioni dalla

piu’ grande sul fondo.Alla piu’ piccola sopra il mucchio di legna.

Si riempie ogni swale il piu’ possibile uscendo in altezza con un cumulo

dalla swale stessa.

Sulla legna gia’ in decomposizione si aggiunge uno strato di cartoni o

giornali o qualsiasi altro tipo di materiale organico si ha a disposizione.

Noi abbiamo usato legna delle potature che era stata lasciata all’aperto

da 1-2 anni.

Sopra ai cartoni si posiziona del fieno o materiale piu’ verde della paglia che

contenga un po’ di azoto,questo servira’ per far avviare la decomposizione

termofilica che rendera’ lentamente disponibili i nutrienti alle piante.

In questa foto sopra possiamo vedere i vari strati di materiale organico

che poi verra’ ricoperto con le zolle di terra che abbiamo ricavato quando

abbiamo scavato le swales.

Tutti i letti sono stati ricoperti di fieno spento.

Si iniziano a ricoprire i letti con le zolle di terra dallo scavo delle swales.

Noi abbiamo sbriciolato le zolle e poi il restante apparato radicale delle

piante spontanee lo abbiamo posizionato sul fieno a testa in giu’,cosi’

le radici seccheranno e tutta la pianta si decomporra’ creando humus.

Le zolle di sinistra andranno a ricoprire la prima meta’ del letto e le

zolle di destra l’altra meta’.Le zolle man mano che scavate posizionatele

lungo la swale che state scavando,cosi’ quando andrete a ricoprire il letto

di terra non dovete trasportare le zolle e non si sbricioleranno facendo

cadere a terra suolo prezioso.

Sulla sinistra due letti finiti completamente ricoperti di terra.Sulla destra un letto ricoperto di solo

fieno prima di essere cosparso di terra. Adesso si potra’ usare una copertura a terra secca o viva fatta

da piante come il trifoglio bianco che rimane basso o da tanti annuali seminati molto fitti. Oppure si

potra’ pacciamare con materiale organico morto come paglia,fieno,cartoni o qualsiasi materiale si

avra’ a disposizione in abbondanza.

Questi letti dovranno funzionare senza il bisogno di essere annaffiati o in casi estremi solo un’annaffiatura

nei mesi piu’ secchi dell’anno.

 

Sopra: 31 Ottobre 2014,dopo 7 mesi dalla prima realizzazione.

Primo anno di coltivazione di lamponi “Rossana” l’unico

lampone italiano.

Sopra: 26 Giugno 2015 secondo anno dalla prima realizzazione.

Questo e’  lo hugelkulture che sta piu’ in ombra ed e’ quello piu’ sviluppato con piu’ lamponi.

Sopra: Dettaglio dei lamponi mai innaffiati al primo anno d’impianto.

Sopra: 26 Giugno 2015 Lamponi rossana su hugelkulture mai annaffiato

Sopra: Lamponi Rossana 26 Giugno 2015

About Author

Pietro Zucchetti
Pietro Zucchetti

Pietro Zucchetti e' in possesso del diploma in design di permacultura applicata (Dip.perm.des.), ottenuto dopo tre anni e tre mesi di studio ed applicazione dei principi della permacultura con l'Associazione Britannica. E' stato coinvolto in differenti proggetti con il Brighton Permaculture Trust. Ha fatto il training per insegnanti con Aranya in Devon,Gran

Connect with Me: